mercoledì , 13 dicembre 2017

Cari studenti di medicina, prima diventate Infermieri

Al test d’ingresso alla facoltà di medicina si sono presentati più di 80 mila giovani. Ma i posti disponibili sono solo 10 mila. È proprio giusto questo numero chiuso? A rispondere è lo stesso Umberto Veronesi, direttore scientifico Istituto Europeo di Oncologia, Milano. Il numero chiuso a Medicina è stato introdotto nel 1984, e da allora ogni anno si accende la polemica. Con diverse motivazioni e da differenti angolazioni. Esemplifico qui di seguito i punti di vista dibattuti.

Bisogna abolire il numero chiuso: il fabbisogno di medici è stato calcolato male, succederà che rimarremo senza camici bianchi. Bisogna mantenere il numero chiuso: ci sono già decine di migliaia di medici disoccupati, o che sopravvivono collezionando una serie di lavoretti precari. Bisogna togliere il test d’ingresso a Medicina: i risultati non diranno mai chi è davvero adatto a fare il medico; meglio i colloqui attitudinali. La strettoia del test d’ingresso ci vuole: organizzare 80 mila colloqui peserebbe gravemente sulla macchina organizzativa della Facoltà per un tempo infinito. Come si vede, la materia è complessa, e risposte certe non ce ne sono. Io mi sento di dire che si tratta di una polemica tutta interna alla categoria, e che è ora di superarla. Perciò, voglio riesumare dall’oblio una proposta che in anni lontani fu avanzata da quello straordinario personaggio che fu Giulio Maccacaro, il filosofo della scienza, e cioè che ogni aspirante medico dovesse presentarsi con un diploma d’infermiere. Perché sarebbe l’unico sistema concreto per vagliare le capacità reali di confrontarsi con i malati, e di dimostrare salda questa vocazione tra i mille ostacoli della vita quotidiana in corsia. Specializzarsi prima come infermiere servirebbe anche a reintegrare nella figura professionale e umana del medico una parte che è stata scissa nel corso dei secoli, fino ad arrivare a una specie d’insanabile dicotomia: il medico “cura”, ma è l’infermiere a “prendersi cura” del malato, a conoscerne davvero sofferenze e reazioni. Diventare infermiere allungherebbe il corso di studi? Sulla base di questa importante specializzazione preliminare, credo che non sarebbe impossibile snellire e velocizzare la laurea in Medicina, e sarebbe tanto di guadagnato. E se poi l’infermiere non riuscisse a diventare medico? Resterebbe infermiere, e forse la professione infermieristica, già di per sé prestigiosa anche se spesso misconosciuta, ne riceverebbe il lustro che le spetta.

via www.oggi.it

Commenti

Leggi anche

La Professione Infermieristica secondo il quotidiano La Repubblica

Un decalogo di “10 pseudo mansioni” pubblicate sul noto quotidiano La Repubblica per suscitare sentimenti …

162 Commenti

NEWSLETTER

Iscriviti alla nostra Newsletter

Inserisci il tuo indirizzo email per ricevere gratuitamente tutte le notizie pubblicate sul sito del Collegio IPASVI di Frosinone.

Send this to friend